chi
sono

Poco dopo aver compiuto 33 anni ho deciso che avrei imparato a scattare fotografie. La voglia mi era venuta a forza di giocherellare con una fotocamera compatta che mi ero regalato in quel periodo. Cosi, dopo aver acquistato una reflex semi-professionale, mi sono rivolto ad un fotografo esperto che mi ha insegnato come padroneggiare correttamente la fotocamera. Successivamente, frequentando corsi proposti da alcune tra le migliori scuole della capitale, ho sentito il bisogno di ricevere un’ istruzione completa, quindi ho trascorso i primi anni dedicandomi esclusivamente allo studio della fotografia analogica. Mi ero letteralmente innamorato della stampa a mano ai sali d’argento. fin da subito, osservando i miei scatti, era evidente una naturale predisposizione alla fotografia di reportage e di ritratto.
Seppur impegnato a fondo nella realizzazioni di progetti a medio e lungo termine, continuo con passione l’approfondimento delle mie conoscenze, studiando saggi e lavori di fotografi e critici di fama internazionale e iscrivendomi a workshop e corsi di specializzazione.

I miei primi lavori sono stati pubblicati su riviste e quotidiani, tra i quali: Il manifesto, Positive Magazine, Private Photoreview, Il Fotografo, Witness Journal, ArteWave. In questi anni ho partecipato a diverse mostre collettive, insieme ai grandi nomi della fotografia italiana (The Darkroom Project) e alle ultime tre edizioni di Les rencotres d’Arles, uno dei più prestigiosi festival di fotografia in Europa.